La biodiversità

I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

BARBA DI BECCO - VIOLETTA

Tragopogon porrifolius: da tragòs in greco barba e pogòn capra.
Si tratta di una specie commestibile per radice e fiore.
Cresce soprattutto nelle coste mediterranee ma anche nelle aree proprie della Vite. Quando viene tagliata o calpestata fa un odore acuto che richiama il finocchio selvatico.

TRIFOGLIO PRATENSE o TRIFOGLIO ROSSO

Trifolium pratense: deve il nome di trifoglio alla trilobatura della foglia che si vede bene dalla fotografia, ha un fusto eretto.

LATTE DI GALLINA

Loncomelos: fa parte della famiglia delle Asparagaceae, nasce da un piccolo bulbo. Cresce in terreni incolti non alterati da prodotti chimici e diserbanti.

CARDO DEI LANAIOLI SELVATICO

Dipsacus fullonum: pianta distribuita in tutta Italia propria dei luoghi incolti e dei fossi.
Ha fusti eretti , fiori color malva con spine numerose. Specie officinale. Deve il suo nome perché impiegata fin dal Medioevo nella lavorazione della lana (cardatura).

PILOSELLA

Pilosella piloselloides: pianta perenne con fusti fino a 70 centimetri, si trova su suoli aridi, sabbie.

TARASSACO o PISCIALET

Taraxacum officinale: è una pianta comune ma preziosa, nella figura si vede un gruppo di tarassachi con il pappo, cioè i filamenti pelosi che con il vento trasportano i semi. Pianta commestibile in vari utilizzi.

CAROTA SELVATICA

Daucus carota: le foglie alla base sono dentate e ha delicati fiori bianchi, se viene tagliata o pestata fa un tipico odore di carota. Quando fruttifica forma una piccola palla all’apice. E’ un’erba officinale.

AGRIMONIA

Agrimonia eupatoria: pianta con fusto eretto e fiori gialli dorati. Predilige luoghi soleggiati e intatti ben drenati, non si trova su tutta la estensione della vigna. Pianta officinale commestibile con virtù antinfiammatorie nell’uso esterno.

CICORIA SELVATICA O RADICCHIO

Cichorium intybus: molto diffusa in aree incolte, non alterate da diserbanti o altre sostanze.

RANUNCOLO

Ranunculus sardous Crantz: pianta molto comune che cresce in grande concentrazione nelle zone più umide della vigna., tanto che qualche specie di questo genere è acquatica, da cui il nome da rana.